Buona vita a chi?

Buona vita a chi?

L’ho fatto, ho tagliato la scheda… Sono sicura non mi avresti mai chiamato ma serve a me per tagliare i ponti con te… Forse è una sorta di rito catartico.. Non sono pazza, e poi tutto sommato non ci vuole nulla a cambiare numero, ma questo ti dà la dimensione di quello che provo ora.. 
Non è mia intenzione cercare di generare sensi di colpa o pietà nei miei confronti… Scusami ma sai che quello che mi spinge a scriverti è questo irrefrenabile desiderio e bisogno di esprimere le mie emozioni.. e poi con chi altro potrei esprimerle?? Già so quale sarebbe la risposta e infondo hanno avuto ragione loro, i razionali ed inquadrati… Eh già F, in questo caso hai avuto torto marcio, la follia non vince sulla razionalità, anzi… Forse dovrei iniziare ad apprezzare la confortevole e confortante razionalità.. Mah..
Solo ora mi rendo conto di quanto è stato folle ed infantile credere di poter conoscere una persona partendo da una applicazione…Ho imparato, e mai più mi lascerò condizionare da queste stupide idee sul fatalismo, sulla bellezza di una comunicazione scritta scevra da condizionamenti di sorta, e stupidaggini simili… Un’altra cosa che prometto a me stessa è che MAI più, MAI PIÙ nessuno vedrà la parte più sensibile e profonda di me… Non c’entri solo tu F, sei stato solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma io non credo di avere più energie da spendere in questo senso.
Ti auguro buona vita

Annunci

12 pensieri su “Buona vita a chi?

  1. Buongiorno. Sono assolutamente d’accordo quando si riesce a dare un taglio netto ad una storia che non sta in piedi nemmeno per sbaglio. Tergiversare, temporeggiare, prendere tempo e rimandare, non fanno altro che allungare l’agonia di sentimenti che appassiscono velocemente come le rose. E proprio come le rose, ogni tentativo di rivitalizzarli risulta vano e doloroso. Sono meno d’accordo quando affermi “mai più”. L’esperienza mi porta a constatare quanto il mai non esista e che nella vita si presentino sempre, inaspettate, nuove possibilità. Un caro saluto. Piero PS bellissimo post, complimenti.

    Mi piace

    1. Grazie, è un post molto sentito, più degli altri. In realtà non sono solita usare il “mai più”, è una cosa in cui non credo poi veramente.. . In quel momento ero solo profondamente delusa e ferita…
      Un caro saluto a te,
      Lupetta

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...