Alice ed il Bianconiglo… To be continued

Alice ed il Bianconiglo… To be continued

E se fossi un po’ Alice? Se, a furia di delusioni e di storie sbagliate avessi perso il mio centro?
La cosa certa è che, dietro la mia corazza di donna forte ed indipendente inizia a celarsi un’anima indifesa e fragile, e, ahimè, una donna che è caduta nella trappola letale di domandarsi “Perché io no?”, “Cosa ho io che non va?”.
Sono stata così tanto impegnata a scappare a gambe levate dalle storie, che, ora che ho voglia di rimanere, iniziano ad emergere tutte le insicurezze che non ho affrontato in passato.

Questi sono i pensieri negativi che sono emersi alla lettura del brano, tra l’altro molto bello. Forse sono un po’ Alice, forse no, non saprei.
Quello che so è che sono in una fase fortemente introspettiva e di analisi, in cui sto cercando di individuare tutti i comportamenti negativi e deleteri assunti in “amore” in passato per evitare di ripeterli. Ho capito che non è un caso che abbia beccato personaggi molto simili tra loro, quindi evidentemente devo scavare nelle mie caverne per cogliere quale sia il meccanismo che scatta.
Ho riconosciuto nella storia con P una storia tossica, ed è scattato un campanello di allarme quando ho rivisto in A gli stessi atteggiamenti, e sono scappata nella direzione opposta. Forse sto davvero chiedendo troppo a me stessa e per il momento posso considerarmi soddisfatta.
Non lo so, ma sono stanca, stanca, stanca.
Stanca di incontrare persone sbagliate, stanca dei miei mostri interiori che forse non mi consentono di cercarne di migliori. Stanca di dovermi mettere in discussione e alla prova continuamente, per poi giungere sempre e comunque al punto di partenza.
Voglio solo ritrovare la parte più leggera di me, sorridere ed essere felice… Chiedo troppo?

Annunci

10 pensieri su “Alice ed il Bianconiglo… To be continued

  1. No, non chiedi troppo, chiedi quello che tutte noi single ( e forse anche molti uomini) vorremmo avere. Nelle mie storie di ex non c’e’ un filo conduttore, mi e’piaciuto l’alfa e l’omega.Ho avuto storie tormentate e storie lisce come seta. Sono stata duttile e dolce con alcuni, e fastidiosa e rigida con altri che toccavano le mie corde sbagliate.Voglio semplicemente dire che molte volte non c’e’ un perche’, ma forse solo un disegno dietro ogni cosa della vita, che va come deve andare. Farsi una sana analisi introspettiva va bene, ma solo se e’profonda e breve,altrimenti poi si scade in paturnie ed autoaccuse che alla autostima non giovano mai. A me la stanchezza e’passata, e conosco molto bene la sensazione di cui parli.Come ho fatto non so, forse accettando che gli altri sono altro da me e non posso piacere a tutti. E poi pensando anche che questa barca di single amareggiati e’davvero tanto tanto affollata. Un in bocca al lupo alla tua leggerezza!

    Liked by 5 people

    1. Cara amica, forse hai ragione che l’analisi dovrebbe essere profonda e breve, ma intanto sento ancora il bisogno di analizzare quindi mi sto lasciando trasportare da queste sensazioni.
      Crepi il lupo in merito alla leggerezza ☺️
      Un abbraccio

      Liked by 1 persona

  2. Forse io non dovrei parlare… Ho un compagno da quando avevo 18 anni… Ma, se mi permetti, ora che ne ho 41 di anni, penso spesso a quanto io e lui siamo sempre state due persone distinte, che scelgono ogni giorno di stare insieme… Non so se mi spiego… Io sto con me, prima che con lui !
    Chiedo scusa, se sono inopportuna 😁
    Buona serata😘

    Liked by 3 people

    1. Non sei affatto inopportuna…Chi ha una storia stabile sarà un pizzico fortunato ma per il resto ha costruito passo dopo passo quella stabilità, quindi è giusto che se la goda.
      Comunque si, mi è chiaro il concetto e lo condivido.
      Un abbraccio

      Liked by 1 persona

      1. Sì sì hai ragione, nulla cade perfetto dal cielo ☺️ c’è impegno da entrambi e c’è la scelta quotidiana… Compromessi, ma che non annullano mai se stessi… Altrimenti è la fine… Ti abbraccio anch’io 😘

        Mi piace

  3. Dicono che se sei stata selezionata per questa vita,hai le qualità per affrontarla.. Sinceramente,non so cosa dirti.
    A volte me lo chiedo anche io. Perchè? Perchè vivere,cercare di superare i miei limiti se tutto ciò che ottengo è un’autostima ancor più bassa di quella che ho e limiti più grossi!?
    Quando poi in giro c’è gente che non merita nulla che invece ha tutto?! Cosa c’è di sbagliato in me?!
    E niente,mille domande e zero risposte.. as usual.. 🙂

    Liked by 3 people

    1. Io credo fermamente nella prima frase… se siamo stati selezionati per questa vita, vuol dire che abbiamo le qualità per affrontarle…questo è il principio cardine che guida le mie azioni. Le domande che mi pongo, l’assecondare la mia sensibilità, piuttosto che la mia razionalità in altri contesti, tutto ciò ci serve per vivere piuttosto che sopravvivere.
      Besitos

      Liked by 1 persona

  4. Bonjour LUPETTA
    Mon passage sur ton joli blog
    Ce sont mes 2 mains sur mon clavier
    Sur un profil une belle image
    Qui derrière cet écran se trouve une personne de gentille
    La ou je retrouve une de mes meilleurs amies ou amis
    Je te fais un énorme sourire même si tu ne vois pas
    Dans le fond de mon cœur je te l’offre
    Passe une agréable journée
    Surtout ensoleillé ,chez moi le temps pas extra
    Bise amicale Bernard

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...