Ma vedi de anna’…

Ma vedi de anna’…

Per quanto sia una fervente sostenitrice del linguaggio pacato e delle parole che arrivano come carezze, ci sono momenti e situazioni in cui è necessario alzare i toni, quindi io urlo a squarciagola VAFFANCULO F.
No, la mia non è rabbia, ma liberazione. Finalmente ci sono arrivata. All’improvviso mi è chiaro che sei solo un personaggio costruito che si nasconde dietro una tastiera. Non ho affatto dubbi che tu “esista” davvero, credo SOLO tu sia un piccolo uomo.
Sapevo perfettamente ci fosse una persona accanto a te, e la cosa non mi importava, d’altronde non stavamo flirtando, ma ultimamente, in un paio di occasioni, hai sottolineato che devo ricordarmi che non puoi rispondere a tutte le ore perché c’è lei… Ma da quando sono diventata l’amante??
Evidentemente è cambiato qualcosa nella storia, forse ora vivete insieme, ma a me non importa e non deve importare.
Capisco che non sia esattamente la prima cosa che racconti alla tua donna, ma il tuo approccio rende la nostra interazione qualcosa di sbagliato.
Per non parlare poi del fatto che mi hai confessato che nessuno in assoluto sa di questa stramba corrispondenza… A tuo dire perché nessuno accanto a te può accedere a questo livello di informazioni. Tutti abbiamo un amico a cui raccontiamo anche le cose più stupide e tu no, non l’hai detto a nessuno.
E’ tanto che ci scriviamo e sono stufa, stufa perché non vedo più trasparenza in quello che scrivi. Tutto d’un tratto, i tasselli finiscono al posto giusto e mi aiutano a definire il quadro, ed io vedo solo un piccolo uomo che non ha mai creduto in quello che ha scritto.

Annunci